Selezione di salumi tipici provinciali(salame della duja crudo 18 mesi ossolano , lardo al nebbiolo, salame al fara ,fideghina ) 9.00
Covaccino alle robiole 6.00
Covaccino “fett’unta” ( aglio e rosmarino ) 4.00
Covaccino con cime di rapa e salsiccia 7.00
Cotto di faraona asciugato al fumo su gateau di spinaci e grana con emulsione di arachide tostata 8.50
Insalatina di calamari e gamberi con polvere di peperone e pomodoro crudo frullato 10.00

 

 

Tajarin con ragù bianco e porcini 8.50
Tagliolini con zucchine gamberi e fonduta di piselli novelli 10.00
Risotti al nero di seppia e allo zafferano con capesante scottate e bottarga 10.50
Pappardelle con stracotto di vitello e formaggio di fossa 9.00
Ravioloni ai carciofi e patata su emulsione di carciofo e bricciole di salsiccia 10.00
Lasagna di grano saraceno con verza e porcini su fonduta di toma vigezzina 9.00
Passata di fagioli neri con farfalline artigianali e ricotta al fumo 8.50


 

 

 

Tagliata di manzo con patate rosolate 18.00
Polpo stufato al nebbiolo con fonduta di pomodoro e arancia 18.00
Stecco di pollo impanato con patatine fritte 12.00
Filetto di maialino bruchettato con porro fondente e salsa di rosa canina 16.00
Brasato di manzo al barbera con polenta 12.00
Zuppa di pesce 20.00
Braciotto di manzo con nage di verdure e ristretto al marsala 15.00

 



  dolci € 5.50

Tortino caldo al cioccolato fondente ,frutta disidratata e secca con zabaione…. 6.00 €
Strudel caldo di mele e pesca
Semifreddo alla mandorla e pan cacao con macedonia di lampone
Parfait ai frutti di bosco (lampone , mirtillo )
Tiramisù al gianduia e salsa al caffè
Semisfera al biscotto e caffè con affogato al caffè
Variazioni di Creme brulè
Crostata con pesca e albicocca
Crostata con crema e fragola




  Vi consigliamo una sequenza di formaggi dal sapore più delicato al più deciso,considerando che essendo per la maggior parte, prodotti artigianali
questa “scaletta” può subire sensibili variazioni

La selezione composta da 5 tipi di formaggi a scelta        10.50    
La selezione composta da 8 tipi di formaggi a scelta        11.50    



Robiole delle Langhe             1        Piemonte    05.50        
Toma Maccagno    dop            2        Piemonte    05.50        
Testun (fresco)                3        Piemonte    04.80
Scimudin di capra (fresco)        4        Lombardia    07.50
Puzzone di Moena     (SPRETZ TZAORÌ)    5        Trentino     05.50
Carnia Altobut                6        Friuli        06.00
Gorgonzola dolce                7        Piemonte    04.50
Ubriaco al prosecco            8        Veneto     05.50
Asiago                     9        Veneto     06.50
Caciocavallo di Recco            10        Liguria     06.00
Montasio                     11        Friuli        07.00
Toma di Crodo                12        Piemonte    05.00        
Pecorino crosta rossa            13        Toscana     06.00    
Bastardo del Grappa            14        Veneto     06.00            
Grana Padano (16 mesi)        15        Piemonte    09.00        
Murazzano dop                16        Piemonte    07.00    
Vezzena Lavarone                17        Trentino     07.00
Grasso d’alpe Monscera        18        Piemonte    07.50
Formai de mut d’alpe            19        Lombardia    08.80
Toma valdostana                20        Val d’Aosta    07.50    
Blu al passito             21        Piemonte    08.50
Castelmagno d’alpeggio        22        Piemonte    09.50
Formaggio di Grotta Sulfurea    23        Emilia R.     09.50
        


Il Santo Protettore
Il Santo Protettore dei formaggiai e dei mandriani è San Lucio martire. Secondo la tradizione era un pastore che curava gli armenti del suo padrone e che offriva ai poveri il formaggio avuto come paga.     


Poichè questo formaggio si moltiplicava, il suo padrone si adirò a tal punto che finì per uccidere Lucio presso uno stagno.     

L'oratorio montano di San Lucio, posto sul passo omonimo che separa la Val Cavargna dall'elvetica Val Colla, è nominato per la prima volta in un documento del 1358. La Chiesa è stata visitata nel 1582 da San Carlo Borromeo e nel 1606 dal Cardinale Federico Borromeo.




 

Ristorante Il Maniero

  Piazza Umberto I , 8  28015 Agnellengo di Momo (NO) Tel: 0321 926261  info@ilmaniero.it